NEWS/ASSOCIAZIONE FRA ASSUNZIONE DI CAFFÈ E CAFFEINA E LA SINDROME DELL'INTESTINO IRRITABILE (IBS) NEGLI ADULTI

Associazione fra assunzione di caffè e caffeina e la sindrome dell'intestino irritabile (IBS) negli adulti

Il caffè è una bevanda popolare con ben noti effetti sul cervello e sull’intestino. Nel 2013, il caffè è stato descritto come uno dei primi 10 alimenti che causano dispepsia, dolore e feci molli nei pazienti con IBS.
Dato il mutamento dei regimi nutrizionali nei paesi in via di sviluppo e il cambiamento degli usi e delle abitudini in questi paesi – ad esempio, la progressiva transizione dal consumo di tè al consumo di caffè – è sempre più importante valutare l'associazione tra assunzione di caffè e caffeina e le probabilità di sviluppare IBS, soprattutto in queste popolazioni.

AZIONE dei FODMAP e la dieta low-FODMAP

Nel 2021, è stato osservato che il consumo di caffè e caffeina si associa ad un aumento delle probabilità di IBS.

Gli individui della popolazione presa in esame che hanno assunto caffè settimanalmente o con maggior frequenza hanno mostrato maggiori probabilità di sviluppare IBS rispetto a quelli che non bevevano mai caffè, soprattutto nelle donne. Inoltre, l'associazione tra caffeina e probabilità di IBS è risultata positiva, in modo significativo, anche tra i soggetti in sovrappeso o obesi.

Le cause non sono chiare, sebbene siano state formulate alcune ipotesi.

Il caffè potrebbe aumentare il livello degli ormoni dello stress. Pertanto, il consumo di caffè aumenterebbe la possibilità di sviluppare IBS essendo tale sindrome correlata a stress e ansia. Inoltre, sia il caffè che la caffeina stimolano la secrezione di acido gastrico e ciò può irritare l'intestino e provocare lesioni dello stesso.

IBS TEST

Verifica se hai la possibilità di avere i sintomi della sindrome dell’intestino irritabile rispondendo a 4 semplici domande